F F Tribuna Libera: ottobre 2016

lunedì 31 ottobre 2016

Comunicazione di servizio Festività






Martedì 1 novembre e mercoledì 2 novembre il cimitero di Ceglie osserverà l'orario continuato di apertura dalle ore 7.30 alle ore 17.30

In questi 2 giorni inoltre ci sarà un ampliamento del servizio di trasporto urbano che sarà gratuito per tutti i cittadini.




ottobre 2016

Ritrovata senza vita nell'abitazione






Partorisce da sola, annega il neonato e muore di emorragia
Partorisce da sola, annega il neonato e muore di emorragia
CEGLIE MESSAPICA – Una donna sui 25 anni di nazionalità rumena è stata trovata senza vita in un’abitazione al civico 6 di via Mameli a Ceglie Messapica: era in una pozza di sangue, e da quanto è stato accertato aveva appena partorito e ucciso il bambino annegandolo in una bacinella. 

CLICCA QUI
per leggere tutto


Come leggiamo su Repubblica Bari,la donna originaria della Romania, avrebbe dovuto lasciare la casa in mattinata per la scadenza dell'affitto. L'articolo





La diretta di Video M Italia


CLICCA QUI




ottobre 2016

Referendum, Comitato per il NO a Ceglie Messapica









Ricevo e pubblico il seguente comunicato:






ottobre 2016

Fai uno scherzo a chi vuoi, con Barty Colucci e RDS








La trasmissione la conoscete tutti: è "Tutti pazzi per Rds" a cui da anni partecipa un nostro concittadino, il mitico Barty Colucci con le sue esilaranti imitazioni e i suoi scherzi telefonici. Oggi parte la nuova campagna del programma radiofonico che andrà in onda su tutte le reti nazionali, dal titolo "Lo scherzo fallo tu". Andando sul sito della trasmissione sarà possibile chiedere uno scherzo telefonico che abbia come "vittima" chi desideriate.




Ecco lo spot.






Grande Barty, sempre fortissimo!




ottobre 2016

Halloween? No grazie, meglio Holyween



Risultati immagini per malocchio gatti neri grido occhio della strega


Zucche, zombi, streghe, dolcetti e oscurità. Da tempo anche in Italia quella che era considerata la festa di Ognissanti è diventata nell'immaginario collettivo, la festa di Halloween (la notte del 31 ottobre), momento commerciale di derivazione statunitense, con tratti di paganesimo e, secondo alcuni esponenti della Chiesa, anche di occultismo.


Allo stesso tempo, da qualche anno il movimento cattolico "le sentinelle del mattino" ha lanciato una bella iniziativa "parallela" che, con un gioco di parole, si intitola "Holyween" (in inglese, come sapete "holy" vuol dire "sacro"). Clicca qui per saperne di più


Risultati immagini per holyween



Anche le parrocchie cegliesi aderiscono, con iniziative rivolte ai più piccoli, a questo spirito dell'iniziativa "Holyween".




Lo fa sia la Parrocchia di San Rocco ...









... che la parrocchia di "Maria Immacolata Madre della Divina Provvidenza",
presso la scuola dell'infanzia in via Cappuccini.





Buona Festa di Ognissanti a tutti voi.




ottobre 2016

domenica 30 ottobre 2016

I numeri vincenti della lotteria per il Centro di Prima accoglienza








Pubblicati i numeri estratti vincitori della Lotteria abbinata alla realizzazione del Centro di Prima Accoglienza "Madre Teresa di Calcutta".

per leggerli



ottobre 2016

Ceglie vince ancora



Grande vittoria fuori casa.

La Petrolmenga Ceglie batte l'Adria Bari

per 
83 a 71






Il video dei minuti finali della partita.






La Nuova Pallacanestro Ceglie 2001 
diventa "PETROLMENGA Ceglie"






ottobre 2016

Siamo quello che mangiamo





Si terrà il prossimo 4 novembre alle 18:30, presso il Castello Ducale, l'incontro dal titolo "Tu sei quello che mangi", organizzato dal Lions Club International, distretto Ceglie Messapica-Alto Salento in collaborazione con i Lions Club Ostuni Host, Martina Franca Valle d’Itria e Crispiano, col patrocinio della Città di Ceglie Messapica.







Con la moderazione della giornalista Sonia Gioia, si affronteranno i diversi ma sinergici gli approcci al tema del mangiar sano dei relatori dott. Antonio Caretto, direttore UOC endocrinologia, malattie metaboliche, nutrizionista e dott. Claudio Pagliara, oncologo ed esperto di medicina olistica. Nella convinzione, mutuata da George Herbert, che “chiunque sia stato il padre di una malattia, una alimentazione non corretta ne è stata la madre”.


*** 


“Non riesco a sopportare quelli che non prendono seriamente il cibo”, affermava Oscar Wilde e “Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un’arte” sosteneva Francois de La Rochefoucauld, mentre B.W. Richardson dichiaravaConserva e tratta il cibo come se fosse il tuo corpo, ricordando che nel tempo il cibo sarà il tuo corpo”. Mai come nell’attuale società globalizzata  il cibo, il suo consumo e la sua esplorazione sono stati oggetto di diffuso dibattito. Mentre ancor oggi ci sono comunità umane che patiscono la scarsità di cibo altre combattono i gravi disturbi derivati e dal suo smodato consumo e dalla sua qualità di provenienza industriale.  

Circa l’ottanta per cento del cibo sugli scaffali dei supermercati di oggi non esisteva 100 anni fa.
Gli industriali dell’alimentazione sono riusciti a persuadere milioni di consumatori a preferire alimenti già pronti. Coltivano, cucinano, vi portano i pasti e, proprio come la vostra mamma, vi supplicano di mangiare. Il mangiatore industriale infatti non sa che mangiare è un atto agricolo, non conosce più né immagina i collegamenti che esistono fra l’atto di mangiare e la terra ed è perciò necessariamente passivo e acritico, in parole povere, una vittima: si soffre ormai di un’amnesia culturale pericolosa e fuorviante.







ottobre 2016

Conservatorio: il Comune sospende il pagamento degli stipendi



E' una delle eccellenze culturali riconosciute della nostra città. Parliamo della sede distaccata del Conservatorio "Tito Schipa". Il Quotidiano questa mattina parla di una questione legata alla retribuzione di alcuni docenti. 




Foto: Francesco Moro


IL COMUNE NON PAGA PIU'. 
CONSERVATORIO SENZA STIPENDI


"Sei docenti della sezione distaccata di Ceglie Messapica del conservatorio Tito Schipa di Lecce non percepiscono lo stipendio da sette mesi. A provvedere al pagamento degli stipendi ai sei professori è sempre stato il Comune ma nel nel marzo scorso l'ente ha comunicato la sospensione dei pagamenti agli uffici dell'istituzione musicale salentina.

A questo punto il personale in questione si è rivolto ai giudici del Tribunale di Brindisi che a giugno hanno emesso un decreto ingiuntivo rivolto sia al Comune, che ha presentato ricorso, sia al conservatorio. I contratti scadono lunedì e sino ad oggi gli interessati non hanno ricevuto alcunchè pur continuando ad insegnare".

"Al momento i docenti non vengono retribuiti. Aspettiamo di conoscere quanto stabilirà in merito la magistratura. Il personale ha presentato un'istanza ai giudici, che dovrebbero stabilire chi dovrà pagare tra il Comune e il conservatorio", ha spiegato il direttore del Conservatorio "Tito Schipa", il maestro Salvatore Stefanelli. E ha aggiunto: "All'improvviso, non conosco i motivi, il Comune ha inviato una lettera con cui ha comunicato la sospensione del pagamento degli stipendi, perchè doveva essere il conservatorio ad occuparsene. Quest'anno il Comune ha erogato le somme degli stipendi di gennaio, febbraio e marzo poi più nulla. Da parte nostra non c'è mai stato alcun cambio di rotta rispetto a quanto stabilito dalla convenzione e a quanto avvenuto negli anni precedenti. Adesso sarà la magistratura a decidere cosa fare".

La convenzione a cui fa riferimento Stefanelli è quella sottoscritta tra il ministero dell'Istruzione e il Comune di Ceglie. Da anni è quest'ultimo ente a pagare gli stipendi a sei docenti della sede distaccata del conservatorio, che provvede alle nomine e a stipulare i contratti.





Pronta la spiegazione del sindaco Luigi Caroli: "Nella lettera di marzo abbiamo spiegato alla direzione che il Comune non pagherà più gli stipendi ai docenti ma continuerà a mantenere gli impegni assunti, versando le somme dovute come contributo. Il Comune di Ceglie non può continuare a pagare personale contrattualizzato dal conservatorio. perchè loro devono nominare il personale, fare un contratto e io devo pagare? A quale titolo?". Il primo cittadino ha precisato: "Da convenzione io devo provvedere ai maggiori costi. E nella lettera al conservatorio ho spiegato che il Comune ottempererà ai suoi impegni. Spero che così come si conoscono le somme che il Comune deve, si conoscano anche i debiti che il Conservatorio ha nei nostri confronti, perchè le somme pagate dagli allievi dovrebbero essere versate a noi. E questo non avviene".





Infine Caroli auspica tempi migliori: "Spero che con l'arrivo del nuovo direttore e del nuovo presidente ci sia un nuovo percorso. La settimana prossima ci sarà un incontro per capire la strada da perseguire. Per ora il Comune si è opposto al decreto ingiuntivo. A me spiace per i docenti ma dispiace anche che il Comune debba sobbarcarsi determinate spese. Da parte mia farò l'impossibile perchè i docenti del conservatorio entrino a far parte dell'organico del ministero. Cosa che fino ad ora i rappresentanti istituzionali del territorio non hanno fatto".



Seguiremo l'evoluzione di questa storia.




ottobre 2016

Storie di Zhoran, tra muretti a secco e bici





ZHORAN - Storie di zingari e violini
di e con Giuseppe Ciciriello
musiche in scena di Piero Santoro


Cosi non si era mai visto: ZHORAN tra muretti a secco, ulivi, 'fogge", "specchie" e pale eoliche... in bici all'inseguimento di Piero Santoro e Giuseppe Ciciriello. Un po' chilometri di parole, musica, bellezza. E Il cielo si promette azzurro. 
E' necessario prenotare: 3892656069
PS: chi non ha la bici può noleggiarla... contattando Cenzo Intermite. Organizzato da Armamaxa in collaborazione con Bicilona e Zion.




lunedì 31 ottobre
Teatro Ciclabile#2 - Storie di Zhoran
Raduno piazza Plebiscito ore 9.00
Partenza ore 9.30 - Rientro: previsto ore 13.00
Itinerario: Parco Eolico “Masseria Renna” (Villa Castelli), direzione Oasi Fogge di Sant’Anna e Murgia circostate. Arrivo in Pineta Ulmo.

Partecipazione 10€
Prenotazione obbligatoria al 3892656069
*l’uso del casco è obbligatorio, controllare lo stato del proprio per mezzo al fine di garantire la sicurezza di tutti i partecipanti.



Accompagnato dalla fisarmonica del suo amico Borhat con le melodie, i ritmi e le armonie della tradizione Rom e Balcanica, Zhoran lo Zingaro cerca di rispondere a queste domande raccontando storie. Solo storie, senza pretesa di verità. E con il suo violino narra di come uno zingaro aiutò Dio a creare il mondo; di come uno zingaro vinse il violino al Diavolo; di come gli Zingari si dispersero sulla terra...
Le storie di Zhoran sono la conoscenza della cultura orale che, tramandata di generazione in generazione, è sopravvissuta al tempo e a chi ha sperato di sopprimerne la radice. Lo spettacolo è una narrazione che intreccia racconti, tratti o ispirati dalla tradizione Rom, riscritti o reinventati, come è nella natura del raccontare, intervallandoli con riflessioni filosofiche e ironiche, sulla diversità e sull’uomo. Uno spettacolo sarcastico e divertente che, con leggerezza, forse ci aiuta a chiederci chi è l’altro diverso da noi.






ottobre 2016

"Ahia" - Il posto delle favole



"Il Posto delle Favole IX edizione"

domenica 30 ottobre - inizio ore 17.30
Teatro Comunale di Ceglie Messapica



"AHIA!"
Teatri di Bari_ Progetto SENZA PIUME Teatro








drammaturgia e regia Damiano Nirchio
assistente alla drammaturgia e alla regia Anna de Giorgio
con Lucia Zotti / Monica Contini
e Raffaele Scarimboli / Michele Stella
Ingresso 5€ - omaggio per ogni nonno che accompagna un nipotino


per info e prenotazioni 389 2656069





Lassù... O laggiù... Insomma, in quel luogo dove le anime si preparano a nascere per la prima o per l’ennesima volta, c’è un problema: una piccola anima proprio non ne vuole sapere di venire al mondo.
L’Ufficio Nascite e il Signor Direttore le hanno provate tutte per convincerla, ma niente! Possibile? Tutti fanno la fila, si danno dei gran spintoni pur di vedere com'è fatta la Vita... e lei invece proprio non ne vuole sapere.



Una donna anziana che racconta dell’essere bambini, della paura del Dolore e delle piccole e grandi diffcoltà: la fatica, la delusione, la paura di non farcela, la malattia. E di quel rifiuto, dei piccoli come dei grandi, di affrontare e attraversare tutto ciò che non è piacevole, facile, immediatamente ottenibile, faticoso. Ma soprattutto per raccontare la gioia della Vita. E scoprire che forse, proprio come nelle fiabe, senza quegli scomodi “Ahia!” non si può costruire nessuna felicità. Uno spettacolo pensato per tutte le età, in cui provare a mettere in delicato e poetico equilibrio la narrazione di contenuti profondi e la colorata ironia del gioco scenico.

Prossimo appuntamento con "Il Posto delle Favole" domenica 13 novembre con "Alice" dei Cantieri Teatrali Koreja.



ottobre 2016

sabato 29 ottobre 2016

La Nuova Pallacanestro Ceglie cambia nome


COMUNICATO UFFICIALE: NUOVO MAIN SPONSOR

La Nuova Pallacanestro Ceglie 2001 
diventa "PETROLMENGA Ceglie"





La N.P. Ceglie 2001 a mezzo del suo Presidente, del consiglio direttivo e dei dirigenti tutti, comunica, con orgoglio, di aver un nuovo main sponsor.
Parliamo di una delle realtà imprenditoriali più importanti della provincia brindisina: l’azienda "PETROLMENGA s.r.l." appartenente al gruppo Menga gestito da una famiglia impegnata da oltre 40 anni nel settore della distribuzione di carburanti e lubrificanti.
Oggi leader del mercato nel suo settore in ambito regionale ed in continua espansione in tutto il centro sud Italia.





L’attenta gestione familiare, le capacità organizzative, l’impegno nel fare squadra, i continui investimenti ed il successo delle iniziative realizzate sono caratteristiche del Gruppo Menga che faranno benissimo anche al mondo del basket messapico.

Le parole di Rocco Menga, A.U. della "Petrolmenga s.r.l.", subito dopo la sigla dell’accordo: “La scelta di associare il nostro marchio alla Nuova Pallacanestro Ceglie 2001 non è casuale e non è assolutamente improvvisa.  Sono anni che siamo vicini al mondo del basket cegliese, come ad altre realtà locali, perché abbiamo sempre avuto consapevolezza che il nostro successo imprenditoriale è nato a Ceglie e, quindi, tanto dobbiamo alla nostra città. 
A questo si aggiunga che, a mio parere, gli imprenditori di successo non devono dimenticare la responsabilità sociale che deriva dal proprio ruolo. Con la nostra azione di main sponsoring vogliamo premiare una realtà sportiva che è, oggi, la più importante della nostra città e tanto può fare per i giovani cegliesi.  Abbiamo l’ulteriore ed importante obiettivo di sfruttare la visibilità a livello regionale che questo accordo ci permette di avere, in coerenza con il nostro piano di diffusione territoriale delle attività”.




“La Nuova Pallacanestro Ceglie 2001 diventa la PETROLMENGA Ceglie” conclude Corrado Allegretti, Presidente del sodalizio messapico  “Questo è un risultato importante per noi. Ci permette di affrontare con serenità questo campionato. Ci permette anche di lanciare un messaggio a tutte gli imprenditori interessati: siamo una realtà seria e competente su cui poter fare affidamento. Come ha sottolineato Rocco Menga, fare impresa con un occhio al sociale e non perdendo di vista gli obiettivi commerciali è possibile. La Nuova Pallacanestro Ceglie 2001, la PETROLMENGA Ceglie, sono un mezzo a disposizione di investitori che vogliono utilizzare il canale sportivo per raggiungere i propri obiettivi commerciali”.







E intanto, c'è la sfida di domani:


LA PETROLMENGA CEGLIE IN SCENA 
AL PALABALESTRAZZI DI BARI








Archiviato lo stop interno contro il Ruvo, la Nuova Pallacanestro Ceglie 2001 griffata “PETROLMENGA” è ormai pronta dopo un’intensa settimana di lavoro sul parquet a cercare il pronto riscatto in terra barese.

Avversario di turno sarà la formazione dell’Adria Bari allenata in panchina da coach Lo Izzo.

Fra volti nuovi, ex dei tempi d’oro e veterani della categoria, il roster barese può contare su un organico assolutamente da non sottovalutare contrariamente a quanto dice l’odierna classifica.

Perni fondamentali della rosa di coach Lo Izzo sono indubbiamente l’evergreen classe 1969 Luigi Delli Carri e l’ex play A.D. Basket Ceglie Luca De Bellis.

Punti importanti arrivano anche dalle mani della guardia classe 1988 Albanese, a segno in questa prima parte di campionato con una media di 13.8 punti ogni 40 minuti e dall’ala piccola Francesco Ambruoso (10.8 di media).
Completa la sfilza dei top scores il centro USA Williams Jr, autore di ottime prestazioni nelle prime sei gare con 15.5 ad allacciata di scarpe.

Per la squadra messapica attualmente a quota sei punti in classifica giunge un impegno non semplice da affrontare che necessiterà la massima concentrazione degli uomini di coach Santoro.




La gara di domani farà da preludio all’inizio del nuovo ciclo terribile di tre partite in sette giorni che li vedrà impegnati giovedì in casa contro Castellaneta (ore 20:30) e domenica prossima (6 novembre 2016) ancora in casa contro un’altra favoritissima squadra del torneo quale la Castellano UDAS Cerignola.


Vito Giordano 
Ufficio Stampa


ottobre 2016

Consiglio comunale a Ceglie Messapica






Il Consiglio è stato fissato per giovedì 3 novembre alle 12.30 (in prima convocazione) e per lunedì 7 (in seconda convocazione), sempre alle 12.30. Avendolo fissato per ora di pranzo, probabilmente non dovrebbe durare tanto. Uno di quei consigli in cui bisogna solo alzare o meno la mano.



Questi gli argomenti all'ordine del giorno:








ottobre 2016

venerdì 28 ottobre 2016

Ceglie purtroppo agli ultimi posti







Secondo i dati ufficiali più recenti Ceglie Messapica fanalino di coda tra i Comuni dell'Aro (ambito di raccolta ottimale) nel mese di settembre per percentuale di rifiuti differenziati. La notizia è rimbalzata sui social e ieri ne ha scritto anche la Gazzetta del Mezzogiorno. Riporto un brano dell'articolo:


"La percentuale del Comune messapico è la peggiore (49,30%) su 9 Comuni che superano il 50%, arrivando a cifre ben oltre il 70% come San Michele Salentino e Latiano, rispettivamente 72.44% e 73.28%. Quasi 318mila kg la frazione differenziata per una produzione pro-capite di 31 kg, sempre nel mese di settembre. 
Su per giù gli stessi dati riferiti al settembre 2015. mentre la percentuale migliore dell'anno in corso si è registrata a febbraio con il 50.86%. Sicuramente qualche punto in più rispetto alla percentuale complessiva del 2015 e del 2014 dove si registrarono, rispettivamente, il 48,57% e il 46.83%.
E' lontano quel 65% che, da contratto firmato nel 2010, la Ditta Monteco-Cogeir doveva assicurare per vedere ridotta o addirittura azzerata la famosa ecotassa che il Comune versa per ogni tonnellata di rifiuto differenziato, in base alla percentuale raggiunta. Da tre anni il Comune versa 6.97 euro".





Al momento dell'insediamento (nel 2010) della prima Giunta Caroli, la percentuale lasciata dall'Amministrazione del centrosinistra era del 50.70%.




ottobre 2016

giovedì 27 ottobre 2016

Un'occasione persa







Alcune considerazioni dell'amico Tommaso Argentiero.








Foto di una edizione di qualche anno fa.





ottobre 2016

La Ceglie del XX secolo



La nuova opera di Vincenzo Gasparro.

Un libro prezioso, da leggere, conservare e rileggere. Consigliatissimo.









Sinossi dalla quarta di copertina a colori:


"Novecento" è un viaggio nella memoria storica di una piccola comunità che s'intreccia con quella nazionale. I grandi temi della politica e del vivere civile sono recitati da piccoli e grandi attori di periferia e sulla ribalta la rappresentazione è a volte umoristica, a volte eroica e a volte tragica.
Nel libro si respira tutto il fetore del trasformismo italiano, della ricerca egoistica del "particulare", del familismo amorale di una piccola borghesia agraria e urbana, delle irrisolte contraddizioni di classe, ma il libro profuma anche della generosità e della lungimiranza di quelli che, sacrificando la carriera e anche la propria vita, hanno cercato di orientare la vela dell'etica pubblica e privata verso traguardi sempre più ampi di democrazia e progresso civile. 
Letto in questa prospettiva il racconto storico di una piccola comunità del Novecento diventa metafora dei mali e della grandezza italiana. Con questo libro l'Autore conclude e sintetizza l'affresco storico su una comunità che,raccontato dalla trilogia che precede "Novecento", spazia dalla fine dell'800 fino alla parabola novecentesca.



Dall'introduzione (Congedo cerimonioso e altre prosopopee):

"Le passioni della mia vita sono state tre: il gioco del calcio praticato a livello dilettantistico, la politica e la scrittura creativa. Della prima ne porto un ricordo vivido, al tempo della mia gioventù povera e felice e il gioco del calcio mi diletta, di tanto in tanto, con qualche partita vista in televisione.  La politica la vivo ormai con distacco e disincanto e non la seguo più nemmeno in televisione perché ho contezza delle sue maschere e degli attori che recitano a soggetto. Non che ai miei tempi non mancassero le maschere, le marionette, i pupari, gli istrioni, i ladri, gli atei devoti e i sicari che il più delle volte si nascondevano nelle fila dello stesso partito e tra i propri compagni. La fauna politica penso di conoscerla bene per aver visto atei incalliti trasformarsi in zelanti e compunti devoti, rivoluzionari diventare pompieri senza avere nemmeno la botte dell'acqua per spegnere gli incendi e ipocriti che, nascondendosi dietro i grandi principi, tramavano per raggiungere laute prebende politiche e sindacali. I politici in genere sono dei frustrati, narcisi, prepotenti col complesso di castrazione palloni gonfiati da una corte di mendicanti e servi che,appena smettono i panni politici, appaiono in tutta la loro povertà e miseria. Purtroppo questa fauna coloratissima, il più delle volte, fa male anche agli altri e alla collettività..."




Foto: Michele Ciracì


L'autore


Vincenzo Gasparro è nato a Ceglie Messapica (Br). Ha scritto libri di storia e memoria: “La pampanella amara”, “Una famiglia borghese”, “Melagrane scarlatte, more nere”, e con altri “5 Dicembre ’93”. In Dizionario ragionato degli scrittori italiani del ‘900 (Edizioni Helicon). Rodolfo Tommasi scrive di lui: Vincenzo Gasparro ha esordito con un importante libro in cui il movente memoriale e storia trovano un incontro di ineccepibile effetto,costituendo preciso riferimento documentaristico e coinvolgente intonazione narrativa dove commento e umorismo sono magistralmente distribuiti e dosati: “La pampanella amara” (vent’anni di storia e memoria a Ceglie Messapica 1960-1980) uscito nell’89. […] Autore di “originale e decisa fisionomia”, Gasparro si può indicare tra le voci più significative del secondo ’900. Tutta la sua produzione poetica è racchiusa nel libro “Tutte le poesie 1994-2014”. Ha pubblicato il romanzo “Il sortilegio della casa antica”. Il più recente libro di poesia è “Fresco mattino come la tua spalla”. Tutti i libri sono pubblicati dalla BookSprint Edizioni.










Indice del libro



Introduzione
Il guardiano dell’oblio – Congedo cerimonioso & altre prosopopee – A terre meje.

L’età giolittiana
Il maestro che non volle scappellarsi al sindaco – La bomba d’acqua – La situazione economica e i primi scioperi alla rovescia – Le mani sulla città – Il ribrezzo di un garibaldino – Il dossier dell’opposizione – Il pretore d’assalto – Il paese delle attese e la Grande Guerra.

La libertà perduta
Le basi ideologiche del Fascismo – le idee fasciste sul lavoro- Se potessi avere mille lire al mese – Ceglie nella questione meridionale – la benefica acqua del Sele – L’ingordigia dei villani – L’Apocalisse – La vita amministrativa – La povertà e il costo della morte – la lobby dei tassisti – Circolare! Circolare! – Gli ultimi saranno i primi – Il fascista perfetto – La rinuncia alla mente critica – Quella linguaccia di don Goffredo – L’educazione del ventennio a Ceglie – a ci s’alleste alleste pi ssi ssittà – Juscche Sant’Anne – Malattie fame e retorica.

Il dissenso e la via della libertà
Una lezione di vita civile – Il nano gigante – Il clandestino – L’avvocato che beffò l’OVRA – L’avvocato di radio Bari e gli indifferenti.

Il dopoguerra e l’età dell’oro
L’occupazione delle terre – In difesa della civiltà occidentale – Gli opposti estremismi tra botte e miracoli – Non fu solo opportunismo e trasformismo – Una bracciante ministra – Il Secondo Novecento – Il delitto – Ciarlatani – la cultura religiosa – Un prete col bernoccolo della farsa – La svolta conciliare – Homo ludens – La dea Eupalla (Zingara n.1) – La magia della palla a spicchi (Zingara n.2) – Un rito antico – L’orgoglio cegliese – Candidato al Nobel – L’anima musicale – Il custode della memoria democratica – La preghiera del mattino – L’archetipo cegliese – La lotta al drago con quaranta teste – L’anima colorata – Profumo di santità – Estetica dell’eleganza – Il capitano d’industria – Conclusioni – Il cegliese europeo.

Ringraziamenti.




E' possibile acquistare il libro sul sito della BookSprint Edizioni.






"Noi eravamo quello che voi siete, 
e quello che noi siamo voi sarete."




ottobre 2016

mercoledì 26 ottobre 2016

Che ne pensano gli amministratori cegliesi del referendum?




Nelle prossime ore è in programma una manifestazione nazionale, voluta dal governo, in cui si ritroveranno i sindaci che sosterranno il "si" al referendum sulla riforma costituzionale. In effetti in queste ultime settimane vari sindaci e Presidenti di Regione si sono schierati chi per il "si", chi per il "no" e in tanti di loro non hanno mancato di spiegare, a volte anche in maniera vivace e appassionata, la loro posizione. 



In questo senso, ritengo che sarebbe interessante che, anche nella nostra Messapia, i nostri amministratori comunali - sindaco, assessori ma anche consiglieri di maggioranza (e, perchè no? anche dell'opposizione) rendessero pubblica la loro posizione sul referendum. E' sempre importante e costruttivo discutere di questioni istituzionali, anche con chi ci rappresenta a livello territoriale.

Fateci sapere, se vi va, quale è il vostro orientamento: pro, contro o disinteressati a questa riforma della Costituzione? Non è obbligatorio dichiararlo naturalmente, il voto (anche dei politici) è segreto. Però sarebbe una bella occasione di discussione e confronto, come in tante città d'Italia si sta facendo, con i cittadini. Che dite? Inviate i vostri interventi e li pubblicherò in tutta evidenza.









ottobre 2016

Commenti

Commenti