F F Tribuna Libera: novembre 2015

lunedì 30 novembre 2015

A proposito delle luminarie natalizie cegliesi







Alcune considerazioni di Tommaso Argentiero:





"Come non si fanno gli atti amministrativi: vedere l’Albo Pretorio del Comune di Ceglie Messapica.

Per le luminarie natalizie il Comune spenderà la somma di euro 13.260,00 .


Nella Determinazione è scritto:
di impegnare la somma di € 13.260,00 ai seguenti capitoli:
€. 3.500,00 al Capitolo 8238 /34 illuminazione pubblica e servizi connessi del bilancio 2015;
€. 3.000,00 al Capitolo 8238 /34 illuminazione pubblica e servizi connessi del bilancio 2015
€. 6.760,00 al Capitolo 11533/57 “Spese e contrib. diversi per marketing territoriale – servizi relativi al commercio” del bilancio 2016".

Domanda: come è possibile impegnare per due volte dallo stesso capitolo di bilancio 2015 le somme di 3500,00 e 3000,00 euro? E’ evidente che c’è un errore. Intendono correggere con la penna o con una regolare rettifica? Si accettano scommesse!

Cosa centra il Capitolo della Pubblica illuminazione con l’allestimento degli addobbi natalizi che vanno tutt’al più inseriti nel Capitolo del Marketing territoriale (2015 tutto esaurito?) inoltre, manca il necessario atto di indirizzo della Giunta".

per leggere il provvedimento








novembre 2015

E' accaduto alla scuola elementare


In un commento sul blog, una mamma ci segnala:

"Sabato mattina presso la scuola Edmondo De Amicis precisamente in 4b si è staccato da un lato del soffitto il neon dell'aula (che ha un peso di circa 10kg).
La fortuna ha voluto che i bambini in quel momento stessero facendo ricreazione e quindi avevano lasciato il loro banchi, evitando così pericolosi infortuni!
vergognosa la disattenzione nei confronti della cosa pubblica, non basta tinteggiarne i prospetti .
L'anno scorso finalmente le scale antiscivolo dopo numerose segnalazioni e infortuni. Ora cosa aspettiamo? Tagliate un nastro in meno e abbiate cura della sicurezza pubblica in tutti i sensi.O la manutenzione delle strutture non vi permette di postare foto su Facebook dalle quali prendere lodi?".




AGGIORNAMENTO

La vicenda continua qui




novembre 2015

Accesso agli atti comunali






Nei giorni scorsi il consigliere comunale di centrosinistra Pietro Mita ha presentato, al sindaco e al segretario generale, richiesta di accesso ad una serie di atti e documenti comunali. In particolare:

1) Tutti i Documenti di Valutazione dei Rischi compresi i documenti di valutazione di ogni immobile singolarmente come il teatro, palazzetto dello sport, scuola di Gastronomia, Castello Ducale, Cimitero, asilo nido e scuole per cui la competenza è comunale, MAC 900, ex mercato coperto, campi sportivi zona 2° PEEP e altre strutture;

2) gli atti di nomina del medico competente e del RSPP (Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione) e RLS (Rappresentate dei lavoratori per la sicurezza) e tutti gli atti relativi alla formazione svolta dai Dipendenti nel 2014-2015.

3) I certificati di agibilità degli immobili comunali, con rispettivi certificati di dichiarazione di conformità impianti tecnologici (elettrici e idrico-fognari), con particolare riferimento al Cimitero Comunale.


Vi terrò aggiornati sulla risposta.



novembre 2015

domenica 29 novembre 2015

Iniziative Natalizie a Ceglie Messapica





Quest'anno saranno organizzate dall'associazione tarantina "Smile", 
con il patrocinio del Comune di Ceglie Messapica.








per leggere il programma in formato html








novembre 2015

Successo Messapico a Mesagne




Arriva puntuale il successo della Nuova Pallacanestro Ceglie 2001 che ieri sera ha espugnato il parquet della Mens Sana Mesagne per 62-84 salendo così a quota 18 punti.











Intanto la Nuova Pallacanestro Ceglie 2001 A.D. comunica ufficialmente di aver raggiunto un accordo per l'acquisizione delle prestazioni sportive dell'atleta Danilo Crovace.



per saperne di più.




novembre 2015

sabato 28 novembre 2015

Sicurezza a Ceglie Messapica. La posizione del PD



Documento del Circolo PD di sui recenti fatti di cronaca e sulla sicurezza
Il Direttivo del Circolo del Partito Democratico di Ceglie si è riunito il 26 novembre. Tra i vari argomenti trattati, si è posta attenzione ai recenti fatti di cronaca.

Viva preoccupazione è stata espressa da tutti i componenti: non è accettabile che i proprietari di automobili debbano svegliarsi la mattina con l’ansia di trovare la propria vettura distrutta. Per tale ragione il Partito Democratico esprime la massima solidarietà ai cittadini che sono stati colpiti da tali esecrabili atti.

Non vogliamo certo creare allarmismi, né utilizzare temi così delicati per polemiche politiche. Tuttavia crediamo che tali vicende non possano essere derubricate a singoli eventi di poco conto, con battute come quella sui presunti locali pieni di sera.
È necessario, invece, mettere in campo tutte le iniziative e le attività volte a prevenire altri simili fatti e ad assicurare alla giustizia gli autori di quanto già accaduto.
Bene hanno fatto, dunque, il Presidio di Libera e l’Associazione Antiracket di Ceglie a far sentire la propria voce, esternando le proprie preoccupazioni e sottolineando la gravità dei fatti. A loro va tutta la gratitudine per il lavoro svolto a favore della legalità nella nostra Città.

Chiediamo:
- uno sforzo ulteriore alle Forze dell’ordine, cui pure va il nostro ringraziamento per l’impegno profuso sin’ora. Sarebbe utile che vi fosse un pattugliamento notturno più frequente per le vie della Città;
- che venga collaudato quanto prima il sistema di videosorveglianza che, lo ricordiamo, fu annunciato in pompa magna ben sette mesi fa. L’inerzia che l’Amministrazione ha mostrato sino ad ora su tale aspetto è davvero sconcertante;
- che vi sia un ampio dibattito nella Città sui temi della sicurezza: nessun cittadino si deve sentire solo. È necessario, dunque, convocare un Consiglio comunale ad hoc, come già richiesto dalle opposizioni, aperto alla cittadinanza. 

Nessun cittadino si deve sentire solo! Sarebbe utile, quindi, un coordinamento di cittadini, associazioni, partiti, per affrontare tali problematiche, anche al fine di organizzare una manifestazione pubblica per la legalità.



novembre 2015

A proposito di luci messapiche


Scrive il sempre puntuale Tommaso Argentiero:






novembre 2015

venerdì 27 novembre 2015

Diamo una mano a chi non ce la fa



"Una sola famiglia umana, cibo per tutti! Lo ricordiamo? Lo ripetiamo insieme? ‘
Una sola famiglia umana, cibo per tutti’… Lo scandalo per i milioni di persone che soffrono la fame non deve paralizzarci, ma spingerci ad agire, tutti, singoli, famiglie, comunità,
istituzioni, governi, per eliminare questa ingiustizia".
Papa Francesco









Accanto alla operosa attività quotidiana di recupero di eccedenze alimentari da destinare ai più poveri del nostro paese, Fondazione Banco Alimentare onlus organizza ogni anno, l'ultimo sabato di novembre, la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare



Ormai giunta alla 19esima edizione, la giornata nazionale della colletta alimentare è diventata un importantissimo momento di coinvolgimento e sensibilizzazione della società civile al problema della povertà alimentare attraverso l'invito a un gesto concreto di gratuità e di condivisione: fare la spesa per chi è povero. Durante questa giornata, presso una fittissima rete di supermercati aderenti su tutto il territorio nazionale, ciascuno può donare parte della propria spesa per rispondere al bisogno di quanti vivono nella povertà. 


E' un grande spettacolo di carità: l'esperienza del dono eccede ogni aspettativa generando una sovrabbondante solidarietà umana.




A Ceglie Messapica, la colletta alimentare sarà possibile presso:
Supermercato PAM
VIA DON ROCCO GALLONE









novembre 2015

SICUREZZA. Il sindaco di Ceglie: "In giro per la città c'è un clima sereno"

Nei giorni scorsi il Presidio cegliese di Libera, associazione per la Legalità fondata da Don Luigi Ciotti, ha pubblicato su Facebook un post con le'elenco dei recenti roghi di auto avvenuti a Ceglie, 7 in appena tre mesi, accompagnandolo con un appello: " Qualcuno ci dica che sta succedendo a Ceglie".




Il sindaco Luigi Caroli, che nei prossimi giorni dovrebbe incontrare il capitano della compagnia dei carabinieri di San Vito dei Normanni, risponde questa mattina dalle colonne del "Quotidiano":

"Al momento non c'è un allarme, la situazione è monitorata dalle forze dell'ordine che stanno lavorando bene e alacremente. Capisco le preoccupazioni del presidio Libera ma ancora siamo a fine novembre e, con i dovuti scongiuri, posso dire che questo è stato l'anno con il minor numero di eventi criminosi. Mercoledì sera sono stato in giro per la città sino a tarda ora, c'erano giovani nei locali e un clima sereno".

Va tutto bene dunque? Dal momento che  i giovani vanno nei locali, la situazione della sicurezza a Ceglie non desta preoccupazione? No comment.





Poi il primo cittadino parla della mancata attivazione del sistema pubblico di videosorveglianza, che non sarebbe ancora attivo:

"Noi abbiamo sempre avuto questo problema del collaudo rimasto pendente e ci siamo rivolti al Ministero che ci ha indicato di farlo per il tramite dell'ordine degli ingegneri. Entro quindici giorni sarà effettuato il collaudo e l'impianto sarà in funzione".

In questo video, relativo alla consegna dei lavori per l'impianto di videosorveglianza nell'aprile scorso, potete vedere come dovrebbe funzionare l'impianto stesso.







Infine, rispetto al rogo doloso che giorni fa ha distrutto le auto di un titolare di un'agenzia di pompe funebri e della moglie, il sindaco spiega di aver incontrato questi ultimi e aggiunge: 

"Assieme all'assessore alle Politiche cimiteriali Daniele Gioia e al responsabile del Comune abbiamo incontrato l'imprenditore per dimostrargli la nostra vicinanza. Tutto il resto compete alle Forze dell'Ordine".




Dalle dichiarazioni riportata dal Quotidiano non risulta nessun riferimento al Consiglio comunale sulla sicurezza richiesto dall'opposizione consiliare. Noi continuiamo a ritenere che sia quanto mai necessario e urgente.










novembre 2015

Trapianti, La storia di Roberta





Domani sera, sabato 28 novembre, alle ore 18 presso il Mac900 ci sarà la presentazione del libro "Il sogno di una bambola" di Roberta Marseglia, una giovane cegliese affetta sin dalla nascita da una malattia rara, la"glicogenosi", che l'ha costretta a tenere per molti anni un sondino naso-gastrico per potersi alimentare ogni tre ore. Ora con il trapianto di fegato, ha vinto il "mostro" ed è tornata a nuova vita. Il libro racconta la sua storia.







L'evento è organizzato dall'associazione VisitCeglie. Come relatori, oltre all'autrice, parteciperanno la dott.ssa Rita Cuna, presidente A.i.t.f. (Associazione italiana trapianti fegato) e la dott.ssa Porzianna Calianno, presidente dell'Associazione malattie metaboliche e genetiche Puglia.

Un tema importante, quello dei trapianti, rispetto al quale la sensibilizzazione non è mai abbastanza. Roberta aveva scritto della sua esperienza anche in un altro libro autobiografico dell'anno scorso dal titolo "Per uccidermi del tutto ci vuole molto più veleno".












novembre 2015

Freddo in classe




Ho ricevuto una segnalazione dalla mamma di un ragazzo che frequenta la scuola media "Vinci", in via Toniolo, su una situazione che sta creando un notevole disagio.

Pare che, fin dall'inizio dell'anno scolastico, i ragazzi abbiano dovuto convivere con lavori in corso per il rifacimento sostanziale della struttura, quindi tra polvere e rumori a far da sottofondo allo svolgimento delle lezioni. Dai giorni scorsi, a causa di un intervento strutturale in corso (sono in corso dei lavori interni che riguardano la parte superiore delle finestre in tutte le classi) nelle aule sarebbe arrivato il freddo, reso ancor più pesante da un problema tecnico che impedirebbe la regolare accensione dell'impianto di riscaldamento (che, pare, dovrebbe essere risolto - auspichiamo - in questi giorni). I ragazzi in questi giorni quindi starebbero frequentando le lezioni con indosso i propri giubbotti.


Con questa segnalazione, auspichiamo che si intervenga quanto prima per garantire
il ritorno della situazione alla normalità.



Il blog resta naturalmente a disposizione per interventi di approfondimento e precisazione.





novembre 2015

Tavola rotonda dell'Azione Cattolica a Ceglie Messapica






L’Azione Cattolica della Diocesi di Oria, comprendente i comuni di Avetrana, Manduria, Sava, Maruggio, Francavilla Fontana, Villa Castelli, Ceglie Messapica, Latiano, Erchie, Torre S. Susanna, Manduria e Oria, ha organizzato per il 28 novembre 2015 una tavola rotonda sul tema  In Cristo il nuovo Umanesimo, riprendendo le  risonanze e i punti nodali del Convegno Ecclesiale Nazionale di Firenze in vista dei nuovi progetti pastorali della comunità diocesana.

Saranno al centro di questo incontro promosso in particolare dal Presidente dell’Azione cattolica diocesana di Oria, Corradino De Pascalis, in Ceglie Messapica, presso l’Auditorium San Demetrio, i temi legati all’impegno sociale della Chiesa e del laicato associativo, secondo il Magistero di papa Francesco.


Con inizio alle 19,30 e con i saluti ed il momento di preghiera a cura di Don Antonio Andriulo (assistente unitario Ac diocesana), i lavori proseguiranno, alle 19,45, con la presentazione delle «Cinque Vie» del Convegno a cura dei delegati Salvatore Di Noi (Uscire), Anna Maria Bellanova (Abitare), Francesco Galiano (Educare), Annalisa Caforio (Trasfigurare), Corradino De Pascalis (Annunciare). Di seguito Angelo Sconosciuto (redattore della Gazzetta del Mezzogiorno) intervista Don Lorenzo Elia, Parroco di San Rocco in Ceglie Messapica e delegato al Convegno, sulle omelie del Papa e sul Documento conclusivo presentato dal Card. Bagnasco. Alle 20,45  la Preghiera Finale e Saluti.

Oria, 27 novembre 2015




Ufficio Stampa




novembre 2015

giovedì 26 novembre 2015

Cronaca






Due vetture in fiamme, questa notte a Ceglie.






novembre 2015

mercoledì 25 novembre 2015

Protesta di cittadini su Facebook per le strade cegliesi al buio


Un articolo del Quotidiano di questa mattina.







Al momento, sui social network, nessuna risposta dall'Amministrazione.

Buio fitto.



Nel caso ... Diogene potrebbe prestarvi la lanterna ...

.



novembre 2015

Prevenire lebbra e xylella, Se ne discute a Ceglie




Il Consorzio Salentino Olivicoltori della provincia di Brindisi (il cui responsabile tecnico è l'agronomo Felice Suma) ha organizzato a Ceglie, per venerdì prossimo, una giornata di studio con il prof. Franco Nigro dell'Università di Bari sul tema "Le buone pratiche agricole e la profilassi in olivicoltura, con particolare riferimento alla xylella e alla lebbra". 

Appuntamento alle 15.30 presso Masseria "Casamassima".




novembre 2015

Incontro "Per una economia a servizio dell'uomo"


Comunicato



La parrocchia Maria SS. Assunta e Comunitazione di Ceglie Messapica insieme all'Ufficio Diocesano per i problemi sociali e il lavoro e per la pastorale per i migranti organizzano per VENERDI' 27 Novembre, c/o il salone della Med Cooking School di Ceglie Messapica, alle ore 18.30 un incontro sul tema “ Per una economia a servizio dell'uomo”.

Sarà un'occasione per confrontarci in maniera partecipata sul tema dell'economia con Gaetano Giunta, presidente della Fondazione di Comunità di Messina. La sua è una testimonianza straordinaria di un approccio nuovo dove impresa, tecnologia, ricerca e sociale si integrano e si sostengono generando economia, benessere e valore sociale. 
È Il racconto di una realtà che molti stanno studiando  da tutto il mondo (anche per le nuove tecnologie e le nuove risorse rinnovabili) per prendere coscienza che un altro modo di fare economia è possibile.

E la realizzazione di questa economia altra che non uccida come quella attuale (cit. Evangelii Gaudium di Papa Francesco)  inizia proprio mettendo fine al tema dello sviluppo individualista ripensando ad uno sviluppo che parta dal sociale e da una economia che riesca a camminare accanto alla giustizia sociale, alle relazioni e alla prossimità. Un'economia capace di comprendere e non di escludere, capace di mettere insieme e non di separare, un'economia che è parte di un intero che contiene aspetti sociali e relazionali, capace di far crescere il proprio territorio con responsabilità e partecipazione.
 
Per questo riteniamo che sia molto importante che realtà sociali, politiche, imprenditoriali, sindacali, tutte partecipino a questo incontro per  mettersi insieme ad ascoltare, prima,  e proporre, poi, nuove modalità di economia che sia davvero a servizio dell'uomo.





novembre 2015

Sicurezza a Ceglie, Interviene l'Associazione Anti-Racket



Torniamo a parlare di sicurezza a Ceglie, in particolare dopo i due ultimi attentati incendiari verificatisi nei giorni scorsi. Proseguono le indagini per far luce sui sei incendi ad auto avvenuti. negli ultimi mesi. 
Sul Quotidiano di oggi leggiamo alcune dichiarazioni di Domenico Maggi, presidente dell'associazione Anti-racket cittadina, Aciam. Nelle scorse ore l'esponente dell'associazione ha incontrato i vertici del comando della stazione dei carabinieri a Ceglie e le vittime dei danneggiamenti. Inoltre Maggi ha chiesto di fissare un incontro con il capitano della compagnia dell'Arma di San Vito, Diego Ruocco.

"Chiederemo un incontro con l'amministrazione comunale, anche perchè vogliamo capire come mai il sistema di videosorveglianza installato in città non è ancora in funzione. Tempo fa abbiamo sollecitato l'esecutivo Caroli su tale questione e, a quanto pare, c'erano problemi con due contatori. Vogliamo ritornare sulla questione. L'amministrazione è responsabile del mancato funzionamento dell'impianto di videosorveglianza. Quest'ultimo, se attivato, potrebbe supportare l'attività delle forze dell'ordine".






novembre 2015

Adesso ... BASTA!


Tribuna Libera sottoscrive l'appello dell'associazione "Gioia" e aderisce alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.




Trucco: Terra di Miele Centro Estetico
Foto: Giovanni Convertino



Ricevo dall'associazione Gioia:




Adesso...BASTA!

Combattere la violenza contro le donne è divenuta una priorità in molti paesi, ma non basta perché il fenomeno è attraversato da una vera escalation, ha assunto i tratti di una pandemia universale: secondo un recente studio dell'OMS, condotto su di un arco temporale pari a 10 anni, la percentuale di donne che hanno riferito di aver subito violenze dal proprio partner è passata dal 15 al 71%. Ancora, tra le donne di età compresa tra i 15 e i 52 anni, gli atti di violenza sono tra le prime cause di morte e invalidità, più del cancro, degli incidenti stradali, delle guerre. 

Sono cifre che danno portata del problema immane e immanente. 

L'Associazione Gioia, come sempre dalla parte delle donne, sin dalla sua nascita, ha aderito a questa giornata con varie iniziative e quest'anno ha sposato la causa alla base delle celebrazioni che si svolgono in tutto il mondo, con un progetto "fotografico" che si unisce al coro di tutti coloro che dicono: giuriamo di non stare in silenzio, in qualunque luogo, in qualunque situazione in cui degli esseri umani sono costretti a subire sofferenze, soprusi, umiliazioni. Dobbiamo schierarci per dire basta!


La neutralità favorisce l'oppressore, mai la vittima; il silenzio aiuta il carnefice, mai il torturato. Quando si usa violenza, si picchiano, stuprano, mutilano, bruciano, seppelliscono, terrorizzano le Donne, si annienta l'energia essenziale della vita su questo pianeta. 
Si forza quanto è nato per essere aperto, fiducioso, caloroso, creativo, vitale a essere piegato, sterile, domato......

La violenza sulle Donne è antica come il mondo, ma oggi avremmo voluto sperare che una società, come la nostra, avanzata, civile, democratica, non nutrisse cronache di abusi, omicidi, stupri perpetrati a danno delle donne.
Mai come adesso una frase di Kofi Annan si inserisce perfettamente in questo contesto storico-sociale e riveste un ruolo assolutamente veritiero e attuale:

"I diritti delle donne sono una responsabilità di tutto il genere umano, lottare contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne è un obbligo di ognuno, il rafforzamento del potere d'azione delle donne significa progresso di e per tutta l'umanità".





Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne
Mercoledì 25 novembre ore 19:00
Castello Ducale
Ceglie Messapica

per i dettagli





novembre 2015

martedì 24 novembre 2015

Appuntamento di mezzogiorno con la politica cegliese


Per domani, mercoledì 25 novembre a partire dalle ore 12, è stato convocato il Consiglio comunale.



(foto: Stefano Menga)


La discussione centrale sarà sui debiti fuori bilancio del Comune.

Questo l'ordine del giorno:

  1. Approvazione verbali sedute C.C. del 16 e 29 luglio, 19 agosto e 30 ottobre 2015.
  2. Interrogazione: “ Servizio raccolta rifiuti “ – protocollo n. 31431 del 18.11.2015.
  3. Ordine del Giorno: “ Esercizio associato di funzioni e servizi comunali ai sensi del D. Lgs. 267/2000 “ – protocollo n. 31455 del 18.11.2015.
  4. “ Presa d’atto comunicazione Delibera G.M. n. 198 del 23.10.2015 “.
  5. “Bilancio e Programmazione 2015 – Ricognizione sulla stato di attuazione dei programmi e assestamento del bilancio di previsione in ragione dell’andamento dell’esercizio finanziario – (Art. 175 e 193 T.U.E.L.)“.
  6. “Riconoscimento legittimità del debito fuori bilancio riconducibile alla fattispecie disciplinate (dall’art. 194, comma 1, lettera A) del D. Lgs. n. 267/2000 e s.m.i. . Sentenza n. 154/2013 del Tribunale Civile di Brindisi – Sez. distaccata di Francavilla Fontana – resa in data 26/05/2013 e depositata il 29.05.2013 nel giudizio iscritto al n. 669/2008 promosso da Impresa Edile Luperto Giuseppe“.
  7. “Riconoscimento di legittimità di debiti fuori bilancio ex art. 194, comma 1, lettera A), del Testo Unico sull’Ordinamento degli Enti Locali (D. Lgs. n. 267/2000)“.
  8. “Riconoscimento di legittimità di debiti fuori bilancio ex art. 194, comma 1, lettera A), del Testo Unico sull’Ordinamento degli Enti Locali (D. Lgs. n. 267/2000)“.
  9. “Approvazione Piano Comunale per il Diritto allo Studio – Anno 2016“.
  10. “Nomina rappresentanti del Consiglio Comunale in seno al Comitato di Gestione del Centro Socio Ricreativo per Anziani“.


Appuntamento dunque a mezzogiorno, con diversi punti di discussione.
Se arriveranno non pranzati, sarà segno che il Consiglio lo faranno durare poco. 




novembre 2015

Appuntamento a Ceglie con la giornalista Maria Luisa Sgobba




Dopo le presentazioni a Torino, Bari, Palermo e Milano, venerdì 27 novembre, per l'ultimo appuntamento con la rassegna letteraria “Libriamo – parole d'Autunno”, organizzata dall'Associazione di Promozione Sociale “Gioia”, gli alunni della Scuola Primaria del II Circolo Didattico di Ceglie Messapica incontreranno la giornalista Maria Luisa Sgobba, autrice di “Bullo Macigno” (edito da Progedit), un libro per bambini che è una lezione giocosa e convincente per imparare a combattere la prepotenza e l’arroganza. Appuntamento alle ore 9.30 presso il Plesso “G. Bosco” di via Francavilla.


Saluti:
Grazia Gioia, Presidente Associazione “Gioia”
Pietro Federico, Dirigente Scolastico II Circolo Didattico
Mariangela Leporale, Assessore alle Politiche Scolastiche del Comune di Ceglie Messapica

Interviene l'autrice Maria Luisa Sgobba

Modera Giusi Curri, psicologa






Dedicato ai più piccoli, ma destinato anche agli adulti, "Bullo Macigno" narra la storia di un bambino fuori misura. La sua mole e, ancor più, la sua educazione, lo portano a prevaricare sugli altri. I suoi comportamenti finiscono per fargli guadagnare sia quel nome che l’emarginazione. Presto, però, le risate, l’amicizia e il gioco di squadra degli altri ragazzini lo conquisteranno, tanto che Bullo troverà il modo per farsi accettare, imparando il linguaggio e le regole della convivenza. Anche i bambini smetteranno di aver paura di quel coetaneo gigante e lo aiuteranno a tirar fuori, dal bullo che era, l’amico che voleva essere. “Bullo Macigno” nasce dalle storie improvvisate di una madre che cerca di aiutare i propri piccoli a trovare le braccia di Morfeo, quasi per gioco diventa manoscritto, poi trascrizione in rima e infine libro di favole arricchito di delicatissimi e originali disegni. Una filastrocca dedicata ai bambini ma, come scrive don Claudio Burgio, destinata agli adulti e a tutti quelli che non si sottraggono all’impegno e alla gioia di educare.

Maria Luisa Sgobba, nata a Bari, laureata in lettere all’Università degli Studi di Bari, ha frequentato l’Istituto per la formazione al giornalismo di Urbino, ed è iscritta all’Ordine dei giornalisti professionisti. Ha collaborato con La Gazzetta del mezzogiorno, Rtl102.5, Epoca. Dopo un breve periodo a Roma è tornata nella sua regione ed è diventata corrispondente dalla Puglia per il Tg5.

Si ringrazia il Comune di Ceglie Messapica e Idea Radio, media partner della rassegna.





novembre 2015

lunedì 23 novembre 2015

Il Consiglio comunale sulla sicurezza s'ha da fare


Torniamo a parlare della vicenda dell'auto in fiamme dell'altra notte. L'ennesima nell'arco di poco tempo. Vicende che, unite all'insicurezza di tanti cittadini nelle campagne, l'assalto con esplosivi al  e ad altri fatti di cronaca (per una rassegna recente cliccate qui o fatevi un giro sul blog di cronaca di Stefano Menga), hanno creato un senso di inquietudine in tantissimi cittadini cegliesi.


Rispetto al fatto più recente, il sindaco, a nome dell'amministrazione comunale ha promesso che si metterà in contatto con la persona vittima di questi ripetuti atti intimidatori: Non lo lasceremo solo. Parlerò direttamente con lui – dichiara Caroli – degli episodi di cui è rimasto vittima. Quando ci sono problemi di questo tipo, è opportuno che i diretti interessati vengano a parlarne con le istituzioni". Giustissimo.
Meno convincente, consentitemi, mi è sembrata la dichiarazione del sindaco (che ricordiamo che in base alla legge è il responsabile della sicurezza sul territorio)  il quale spiega che sarebbe sostanzialmente non necessario nè urgente convocare il Consiglio comunale su ordine pubblico e sicurezza, dicendosi anzi "soddisfatto" del quadro complessivo della sicurezza a Ceglie:


(tratto da BrindisiReport)
Al netto di questi episodi, Caroli ritiene che la situazione dell’ordine pubblico non sia emergenziale e che non vi siano quindi i presupposti per convocare un consiglio comunale monotematico sulla legalità. “Gli incendi auto ai danni di onesti cittadini sono sicuramente situazioni deplorevoli e incresciose – afferma il primo cittadino – ma se dovessimo fare un consuntivo di eventi criminosi accaduti a Ceglie nel 2015, ritengo di essere più che soddisfatto. Il quadro nel complesso è positivo, tenuto conto anche del massiccio movimento di turisti che abbiamo avuto in estate. La gente può tranquillamente passeggiare fino a tarda notte”. Clicca qui



La penso molto diversamente dal sindaco.
Io - e credo di non essere il solo - continuo invece a ritenere che, dopo aver ribadito il chiaro sostegno all'operato delle Forze dell'Ordine, sia necessario e urgente che, come questo blog scrive da settimane, la massima assise rappresentativa cittadina affronti quanto prima e con urgenza il problema della sicurezza a Ceglie Messapica. E che lo faccia senza paraocchi e senza differenze di colori, compiendo tutti i passi istituzionali e mettendo in campo tutte le iniziative che l'ordinamento consente al fine di garantire al massimo l'ordine pubblico per i cittadini. Non si deve mai temere il confronto aperto e democratico, soprattutto in momenti delicati come questo.



E, comunque, come sapete la richiesta di convocazione del Consiglio comunale, da statuto, non è solo competenza del sindaco ma anche dei consiglieri comunali (almeno 1/5 dei componenti, dunque 3) ed è stata presentata nei giorni scorsi (il 20 novembre) proprio dai consiglieri dell'opposizione. Il Consiglio dunque dovrà esserci e ascolteremo il dibattito con molta attenzione.


Intanto ricevo e pubblico questo comunicato 
dei Conservatori e Riformisti di Ceglie Messapica.




"TUTTO VA BENE MADAMA LA MARCHESA"

In un comunicato del Sindaco Caroli egli afferma che tutto sommato l'Ordine Pubblico nella nostra Città è sotto controllo. Riteniamo che evidentemente non vive a Ceglie Messapica. Auto Bruciate in media due alla settimana; Furti nelle Campagne con conseguente ricadute in negativo sul Turismo; rapine a non finire...tutto ciò per il Sindaco non è Emergenza? Afferma anche di non ravvisare la necessità di tenere un Consiglio Comunale Monotematico sull'argomento, magari aperto a tutte le Istituzioni Presenti sul Territorio. Non vorremmo essere i Salvini della situazione, ma crediamo che aspetti che accada qualcosa di grave per intervenire! Anzi ritiene che un semplice incontro con l'imprenditore oggetto di vari atti criminosi, al quale va tutta la nostra solidarietà, a risolvere il Problema. Caro Sindaco oltre ad incontrare l'imprenditore, essendo il primo responsabile della sicurezza e l'Ordine Pubblico nella nostra Città, si faccia promotore presso S.E. Il Prefetto ed il Sig. Questore di un incontro è chieda che venga ripristinato il servizio di Radio Mobile h 24, e chieda un maggiore coordinamento fra le forze di pubblica sicurezza, anche attraverso l'utilizzo dei vari Istituti di Vigilanza. Si alzi dalla sua poltrona e non pensare al consenso inaugurando opere di cui lei non ha nessun merito progettuale e difenda i suoi Cittadini.










novembre 2015

Commenti

Commenti